SOFTWARE FATTURAZIONE ELETTRONICA

GeSiios permette di emettere la fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione e privati,
si occupa di firmarla digitalmente, inviarla e conservarla come prescritto dalla legge.

A partire da € 0,10!



Da Gennaio 2019 on sono più valide le fattura in cartaceo / Word / Excel / PDF e bisogna essere in Grado di emettere e ricevere le fatture in formato XML

Il servizio di Fatturazione Elettronica GeSiios propone 3 soluzioni per l’inserimento della e-fattura da inviare e storicizzare 

1

Modulo Fatturazione Elettronica per i nostri Clienti che usano già il nostro gestionale in cloud GeSiios.
GeSiios invia (ciclo attivo) e riceve (ciclo passivo) in automatico le fatture.

2

Modulo Fatturazione Elettronica per utenti che si collegano esternamente tramite upload di file interscambio (excel, csv …).
Il modulo invia (ciclo attivo) le fatture dopo averle caricate e riceve (ciclo passivo) in modo automatico le fatture

3

Modulo Fatturazione Elettronica per utenti che inputano direttamente le fatture tramite pannello di data-entry.
Il modulo invia (ciclo attivo) le fatture dopo averle inputate e riceve (ciclo passivo) in modo automatico le fatture.


Come funziona?

Parliamone!
Chiama ora 049 8626 827

 

Trasmissione delle Fatture elettroniche 

GeSiios invia la fattura elettronica (XML non firmato o firmato).
Tramite modalità sincrona viene apposta la firma automatica sulla fattura, viene richiamato lo SDI e si ottiene l’id invio.
Il SDI, elabora la fattura elettronica in funzione della modalità di trasmissione indicata all’interno della fattura elettronica, invia la fattura al cliente come PEC o al codice destinatario indicato nella fattura tramite canale accreditato.  

Ricezione delle Fatture elettroniche dai fornitori 

Il servizio consente la ricezione delle fatture elettroniche dai fornitori utilizzando un codice destinatario, una volta ricevute le fatture fornitori sul proprio codice.  

Conservazione delle fatture elettroniche  

La conservazione è l’insieme delle attività finalizzate a definire ed attuare le politiche complessive del sistema di conservazione e a governarne la gestione in relazione al modello organizzativo adottato e descritto nel manuale di conservazione. 


GeSiios è un'applicazione cloud
che gestisce l’intero processo amministrativo e gestionale aziendale:

è sufficiente aprire un browser, accedere, personalizzare l'applicazione e iniziare a usarla.

GeSiios si occupa di tutto il ciclo di fatturazione elettronica, sia verso la PA sia tra privati (B2B): compilazione, firma digitale, invio e conservazione sostitutiva a norma di legge, permette di avere sempre tutto sotto controllo e di occuparti con un unico strumento di preventivi, fatture, magazzino, prima nota e molto altro. Tutto in pochi e semplici click.




 
Fatturazione Elettronica

Come Gestire le fatture con Split Payment ?

Le prime disposizioni in materia di scissione dei pagamenti (split payment) sono state introdotte dall’articolo 1, comma 629, lettera b), della Legge 23 dicembre 2014, n. 190, secondo cui l’IVA addebitata dal fornitore nelle proprie fatture, esigibile a partire dal 1 gennaio 2015, deve essere versata dall’Amministrazione acquirente direttamente all’Erario, scindendo quindi il pagamento del corrispettivo dal pagamento della relativa imposta.
Per l’attuazione della disposizione è necessario far riferimento al decreto attuativo MEF del 23 gennaio 2015 (modificato dal recente DMEF 27 giugno 2017), e alle circolari dell’Agenzia delle Entrate n. 1/E del 9 febbraio 2015, n. 6/E del 19 febbraio 2015 e n. 15/E del 13 aprile 2015.
Più nel dettaglio, la circolare n. 15/E ha chiarito la platea delle PA che devono applicare il meccanismo dello split payment, ha definito in modo più chiaro i soggetti esclusi e ha illustrato le interconnessioni della disciplina con quelle del reverse charge e della fatturazione elettronica.
Poi l’articolo 1 del decreto legge 50/2017 (c.d. “manovra correttiva”) ha esteso l’ambito di applicazione delle disposizioni sulla scissione dei pagamenti.
In particolare, l’estensione dello split payment ha riguardato le fatture emesse dal 1 luglio 2017 verso:
Pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato;
Società controllate, di diritto o di fatto, direttamente o indirettamente dallo Stato;
Società controllate direttamente dagli enti pubblici territoriali;
Società quotate inserite nell’indice Ftse Mib della Borsa Italiana.
Entrano, inoltre, nell’ambito applicativo della scissione di pagamento anche le operazioni IVA effettuate da fornitori che subiscono l’applicazione delle ritenute alla fonte sui compensi percepiti (liberi professionisti, agenti, intermediari).
Con il decreto 27 giugno 2017 del Ministro dell’Economia e delle Finanze sono state definite le modalità di attuazione dell’articolo 1 del decreto legge 50/2017 ed è stato modificato il precedente decreto del 23 gennaio 2015 per adeguarlo alle intervenute variazioni.
Inoltre, al fine di agevolare gli operatori economici nell’individuare le PA e le società destinatarie della disciplina in esame, sul sito del dipartimento delle Finanze sono stati pubblicati i diversi elenchi delle PA inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da PA e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib.


Fattura elettronica 2019 | Codice destinatario cosa è e come averlo?

I titolari di partita Iva, entro il 1° gennaio 2019 devono dotarsi di un codice destinatario: noto anche come codice univoco che rappresenta un elemento fondamentale al fine di poter inviare e ricevere le fatture elettroniche tramite il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.
Si tratta di un codice alfanumerico composto da sette cifre che chi trasmette la fattura elettronica dovrà sempre indicare, al fine di consentire il recapito del documento al destinatario. Infatti, perché l'SdI ( il sistema di interscambio ) possa funzionare, è necessario possedere un indirizzo telematico.
L’indirizzo telematico può essere, un codice destinatario, o un indirizzo PEC, cioè di posta certificata. In questo caso chi trasmette la fattura deve inserire nel campo “codice destinatario” il valore “0000000” (sette volte zero) e in quello “PEC destinatario” l’indirizzo che è stato fornito dal cliente stesso.
Coloro che sono titolari di un canale per la trasmissione delle e-fatture presso il Sistema di interscambio possono fare richiesta di questo codice;  l’Agenzia delle Entrate fornirà il codice formato di sette cifre che il professionista trasmetterà a sua volta ai propri fornitori.
Generalmente, però, i richiedenti non sono direttamente imprese e professionisti, ma intermediari e software house che per conto di questi, in quanto loro clienti, si occupano di inoltrare le richieste dei codici.
I file che vengono generati e trasmessi, con il loro formato .xml, sono gestiti e conservati proprio grazie al software gestionale prescelto per la fatturazione elettronica come ad esempio GESIIOS ERP in Cloud: i nostri Clienti che hanno un account su GESIIOS, possono gestire con un solo click sia le fatture elettroniche cliente che le fatture elettroniche fornitore. In particolare le fatture fornitore vengono direttamente importate e rese disponibili sul sistema comodamente senza dover interagire esternamente.




Fattura elettronica 2019 | Conservazione fatture elettroniche

La conservazione a norma delle fatture emesse/ricevute secondo la normativa vigente deve essere effettuata entro tre mesi dal termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta, ossia entro il 31 dicembre dell’anno successivo nel caso di periodo d’imposta coincidente con l’anno solare.
Il Versamento nel sistema di conservazione effettuato avviene dopo 30 giorni dalla data di ricezione della fattura passiva da parte del Sistema di Interscambio, ovvero dalla data di emissione della fattura attiva.
Il processo di conservazione è un processo automatizzato effettuato direttamente dall'applicativo.
Una precisazione è doverosa circa la registrazione del numero e data di protocollo delle fatture passive, se sono presenti nei dettagli della stessa, nella sezione prevista, il processo di conservazione avviene dopo 30 giorni, altrimenti saranno conservate entro il termine ultimo stabilito per legge, come di sopra indicato.


Fattura Elettronica: Che cos'è?

La fattura elettronica è un documento informatico, in formato strutturato, trasmesso per via telematica al Sistema di Interscambio (da ora in poi, SdI), di cui al decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 7 marzo 2008, e da questo recapitato al soggetto ricevente. La trasmissione telematica al SdI può riferirsi ad una fattura singola ovvero ad un lotto di fatture ai sensi dell’articolo 21, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.
La fattura elettronica contiene obbligatoriamente le informazioni stabilite dall’articolo 21 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 ovvero, nel caso di fattura semplificata, quelle stabilite dall’articolo 21bis del medesimo decreto, nonché le altre informazioni indicate nelle specifiche tecniche riportate nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 Aprile 2018 e nel relativo allegato.
Per le fatture elettroniche emesse nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni restano valide le disposizioni e le regole tecniche di cui al Decreto Ministeriale 3 aprile 2013, n. 55.


Approfondimento:

Da agendadigitale.eu, testata di riferimento per tematiche riguardanti il Digitale e la Pubblica Amministrazione.

Cos´è la Fatturazione elettronica?

La fattura elettronica è una fattura in formato digitale, introdotta con la legge finanziaria 2008, in cui l’Unione Europea (EU) invita gli Stati membri a prevedere un quadro normativo e tecnologico adeguato a gestire in maniera elettronica tutto il sistema di fatturazione e controllo fiscale.

Fattura elettronica, normativa e vantaggi

La genesi di questa evoluzione del “modo di fare” fattura è da individuare, a livello europeo, nell'adozione e recepimento della Direttiva 2014/55/UE del 16 aprile 2014 relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici. In questa Direttiva si può osservare come siano analoghi gli obiettivi che sono stati poi alla base della FatturaPA, e che possono essere riassunti in questi due punti:

generare risparmi derivanti da un incremento dell’efficienza dei controlli finalizzati al contrasto all'evasione e, conseguentemente, avere una migliore allocazione delle risorse disponibili per la gestione della spesa pubblica;

dematerializzazione i processi delle imprese, tale punto porta ad un generale incremento della competitività del sistema paese con benefici che sono decisamente superiori al semplice incremento efficienza degli adempimenti fiscali. Inoltre, anche in ottica di sviluppo del mercato digitale europeo, appare come un passaggio fondamentale per completare il processo di evoluzione verso il digitale da parte di tutte le imprese che troveranno nell'adesione al piano Industria 4.0 la concretizzazione della gestione digitale della produzione (di beni e servizi).

La maggior parte dei vantaggi economici non deriva da minori costi di stampa e spedizione ma dalla completa automazione e integrazione dei processi tra le parti che generano una riduzione e ottimizzazione dei costi (no data entry manuale, no errori registrazioni, no smarrimenti),  ridotto rischio falsi e duplicazioni (riconciliazione automatica dei dati e processi autorizzativi con controlli sui dati fattura più efficienti) e riduzione errori nei pagamenti e riduzione dei tempi medi di pagamento.

La fatturazione elettronica permette di inviare e ricevere fatture senza dover stampare sulla carta nessuna fattura, e quindi azzera completamente qualsiasi costo di stampa, eventuale spedizione, e poi i costi di marca da bollo e di uno spazio fisico in cui conservare le fatture cartacee. Insomma, una rivoluzione digitale che permette di inviare fatture in forma elettronica, e di compilarle e mandare a clienti, commercialisti e a tutti i diretti interessati in maniera semplice, virtualizzando tutto e senza necessità di ricorrere quindi alla carta. [...]

La normativa sulla fatturazione elettronica prevede l’avvio dei seguenti obblighi:

emissione della fattura elettronica obbligatoria dal 1 luglio 2018 per le cessioni di benzina o gasolio per motori e per le prestazioni rese da subappaltatori nel quadro di un contratto di appalti pubblici;

emissione della fattura elettronica obbligatoria dal settembre 2018 nei confronti dei soggetti extra-UE per quanto riguarda le fatture emesse in ambito tax free shopping (ai sensi dell’art.4-bis del Decreto Legge 22 ottobre 2016, n. 193);

emissione della fattura elettronica obbligatoria dal 1 gennaio 2019 per tutte le operazioni tra privati, persone fisiche e giuridiche. [...]

Registrazione

Prova gratuitamente!

Modulo di registrazione cliente

* Required field






ERP
enterprise resource planning

Letteralmente "pianificazione delle risorse d'impresa", è un software di gestione che integra tutti i processi di business rilevanti di un'azienda:
vendite e acquisti
gestione magazzino
contabilità
intrastat

CRM
customer relationship management

Software per la gestione dei clienti rivolto alle PMI: monitoraggio clientela, assistenza post-vendita, gestione attività di marketing.
Piattaforma per gestire l'help desk
 Gestione di campagne di email marketing e di newsletter
Strumenti di account management per gli agenti.

CMS
content management system

CMS software per la gestione dei contenuti del sito, ad esempio testi, banner, blog o download.
Accesso al backoffice per singole aree per la gestione da parte dei curatori: dipendenti, consulenti, writer e grafici potranno accedere separatamente solo alle aree di loro competenza.
 Gestione della privacy utente per la visibilità personalizzata dei contenuti sul sito.


Con più di 20 anni di esperienza in sviluppo software e verticalizzazioni
siamo in grado di trovare la soluzione più efficiente alle necessità dei nostri Clienti.

Il nostro motto è:
ingegnerizziamo soluzioni.

25 anni

Sono 25 gli anni che siamo sul mercato come azienda di servizi informatici per le imprese.

 

2001

Dal 2001 è internet service provider e web agency.

 

202000

Sono 202.000 i documeti contabili gestistiti con il nostro Software Gestionale in Cloud GeSiios nel 2017.

 

+ 1700000

Sono più di 1.700.000 le righe documento generate dai nostri Clienti nell'ultimo anno.

 

 

 

 

 

 


Back to Top